Europa451, laboratorio di giornalismo transnazionale e europeo


 
Picture

Il Parlamento europeo, riunito in seduta a Strasburgo, ha permesso la pubblicazione del testo dell'Anti-Counterfeiting Trade Agreement (accordo anti-contraffazione, Acta) a seguito, soprattuto, delle pressioni della società civile. Il progetto di accordo, che risale al 2007, era stato tenuto segreto, fino a quando Wikileaks non ne ha pubblicato un primo stralcio.


Già il 10 marzo il Parlamento era intervenuto sulla questione rivendicando il suo diritto ad essere informato e a informare rispetto a quest'accordo, da più lati definito “segreto”. Perché? Le trattative dell'Acta risalgono al 2007 e coinvolgono l'Australia, il Canada, la Corea del Sud, gli Emirati Arabi, gli Stati Uniti, il Giappone, la Giordania, il Marocco, il Messico, la Nuova Zelanda, Singapore, la Svizzera e l'Unione europea. Ma il tutto in completa confidenzialità. A seguito della pubblicazione di un estratto del trattato da parte di Wikileaks nel maggio 2009, diverse denunce sono arrivate alla Commissione europea. 


Nel marzo scorso il Parlamento ha quindi votato (a grande maggioranza, 663 voti favorevoli, 13 contrari, 16 astenuti) una risoluzione che chiede che il Parlamento sia continuamente informato rispetto a questi accordi:
-considerando che, a seguito dell'entrata in vigore del trattato di Lisbona, il Parlamento europeo è tenuto a dare la sua approvazione al testo del trattato ACTA prima che esso entri in vigore nell'Unione europea,
- considerando che la Commissione si è impegnata a fornire immediatamente informazioni complete al Parlamento europeo durante tutte le fasi dei negoziati sugli accordi internazionali,
- (il Parlamento) segnala che dal 1° dicembre 2009 la Commissione ha l'obbligo giuridico di fornire immediatamente informazioni complete al Parlamento in tutte le fasi dei negoziati internazionali;
Qui il testo completo dal sito del Parlamento.


Per concludere: cosa preoccupa dell'Acta? Il trattato è una sorta di coalizione internazionale destinata a combattere le violazioni del diritto d'autore e sulla proprietà intellettuale. Si parla addirittura della possibilità di ispezionare gli hard disk, i telefoni e i lettori Mp3 delle persone in viaggio, e di limitazioni all'accesso Internet in seguito alle violazioni riguardanti il download. Si teme, anche, una restrizione alla circolazione dei medicinali in seguito a restrizioni sui brevetti.

Qui il link del testo dell'Acta, e sotto il file salvato, perché il link non sempre funziona.


Francesca Barca
Europa451

acta-english.odt
File Size: 45 kb
File Type: odt
Download File

 
 
Picture
Photo: Anne Van Gemert
Il Ppe, che ha vinto le ultime due elezioni europee – 2004 e 2009 – è riuscito a collaborare con l'esperto in comunicazione Ravi Singh, che si è occupato della strategia Internet della campagna di Obama nel 2008. «All'inizio ho lavorato per il Partito Repubblicano», ricorda, «perché sono stati i primi a bussare alla mia porta». Antonio Lopez Isturiz, segretario generale del Ppe afferma: «alle elezioni del 2014 le cose saranno molto diverse: dobbiamo prepararci adesso». 



Ogni occasione è buona per creare empatia con i propri partner: questo è quello che Ravi Singh cerca di spiegare ai futuri leader della destra europea al meeting dei giovani del Ppe a Parigi il 10 aprile scorso (Yepp in iglese). «La tecnologia non è affiliata ad alcun partito», ha detto presentando loro la nuova strategia del Ppe. Questo americano di origine indiana è considerato lo “Steve Jobs della comunicazione politica”: ha 39 anni, si dice ancora single e interagisce con il pubblico durante la presentazione. Nelle parole di Singh, «le campagne elettorali si svolgano nel caos: nessuno ha tutte le competenze necessarie per vincere le elezioni». Sottolinea, per questo, la  necessità di sfruttare le reti di amicizia e contatti per creare "coscienza politica", in primo luogo,  e trovare «i finanziamenti della campagna» dall'altro. 

Picture
Home page del sito My European People party
Promuovere l'e-Democracy, attirare i giovani nelle reti sociali

Per vincere le elezioni del 2014, al Ppe è stata proposta la e-democracy. Il cuore di questa strategia sono le nuove tecnologie. A questo scopo è stato presentato in anteprima il sito My European People party (Myepp.eu)  – che verrà lanciato ufficialmente il 10 maggio –  che ha lo scopo di attirare i giovani sostenitori del Ppe nei sociali network: Facebook, Ning, Twitter, Flickr, MySpace, YouTube e altri. La parola chiave, da oggi, sarà "condivisione". Tutti i militanti del Ppe sono chiamati a  girare video, scattare foto, fare ricerca Internet e poi “share” sui social network. Il tutto per creare «consapevolezza del progetto politico del Partito popolare europeo». «La tecnologia dovrebbe aiutare il partito e il candidato. Come? Incoraggiando l'elettore a votare per loro», spiega Ravi Singh. L'obiettivo principale è non solo di interagire, ma anche interpretare i dati che arrivano da fonti e parti diverse. «Chi di voi legge gli articoli fino alla fine? Io no. Ma, al contrario, quando guardo un video, arrivo in fondo», sintetizza, Ravi Singh. 
Picture
Il sito di Ravi Singh

Social network non vuol dire vittoria

Ciononostante, durante la campagna elettorale europea del 2009, il Partito Socialista europeo (Pse), ha sviluppato una strategia simile, ma che non ha funzionato affatto. Il suo Presidente, Poul Nyrup Rasmussen, ha investito nei social network, nell'estetica, nell'innovazione, nel dibattito in rete e con i giovani. Il risultato? La peggiore sconfitta elettorale che abbiano mai subito. «I socialisti hanno dimenticato una cosa molto importante», afferma Antonio Lopez Isturiz, «non hanno un leader o un candidato a presiedere la Commissione, una persona che incarni la strategia che, riconosco, era per altro ben progettata». Quelle del 2014 saranno le prime elezioni europee in cui ogni partito dovrà proporre un candidato per la Commissione europea e avere un leader disposto a diventare, eventualmente, Presidente dell'Ue. «Per ora, Van Rompuy, sta facendo un ottimo lavoro, ma a profilo basso», riprende il Segretario generale del Ppe. «Nel 2014 questa cosa potrebbe cambiare». 

Picture
La campagna elettorale continua

Il 2014 è vicino e si dovrà pensare a un leader. «La leadership si ottiene affrontando momenti difficili, non per essere il primo della classe», dice Lopez Isturiz. Il Ppe vuole lavorare sulla sua immagine di partito-leader e di partito “pieno di leader” in tutti i Paesi dell'Ue.  In un contesto di crisi di legittimità dell'Unione europea, di fragilità nella zona dell'euro, di disoccupazione galoppante, di perdita di competitività e di rinascita del nazionalismo, quando la maggior parte le persone a rimane a casa il giorno delle elezioni, è chiaro che mancano leader. «Sono un leader o semplicemente mi faccio chiamare così?», Ravi Singh incalza i giovani del Ppe. Questi giovani devono essere la punta di diamante di una strategia in cui tutti loro sono “comunicatori” attraverso Internet. Se ciascuno di loro comunica con le sue centinaia di contatti, ogni proposta arriverà alla maggioranza della società. «Dietro la strategia on-line, ci deve essere una struttura di partito forte, e questa struttura dovrebbe basarsi su organizzazioni di cittadini in Europa, una sorta di  ramificazioni al servizio di questi partiti politici», continua Singh. È il concetto è la campagna continua: «Obama ha vinto le elezioni del 2008, ma continua 'l'interazione” con i cittadini.Perché? Perché prepara le elezioni del 2012». 

Myepp: la nuova community del Ppe

«Myepp.eu è concepito come una porta verso l'universo del Partito popolare europeo», hanno spiegato i responsabili. Entrando, l'utente crea il suo profilo, come in qualsiasi social network. Da lì, è possibile scegliere uno qualsiasi dei gruppi di discussione. Esiste un ma? Le discussioni sono divisi per lingua. Ravi Singh è convinto che questo tipo di strategia di comunicazione non è incompatibile con la molteplicità delle lingue in Europa. Oltre a darsi l'accoglienza, una volta entrati su questo sito gli utenti possono creare un blog personale, condividere video, foto e il loro calendario di eventi con altri: sia all'interno Myepp.eu, sia all'interno di  altre reti sociali come Facebook o Twitter. Inoltre, possono invitare i loro contatti ad unirsi a questa rete. È anche possibile fare donazioni che andranno alla fondazione del partito. Il Ppe sta cercando di mettere insieme i 500 milioni di dollari che Obama ha ottenuto con i donatori attraverso Internet? Antonio Lopez Istúriz spiega che la normativa comunitaria è ancora troppo rigida da questo punto di vista e impone molte restrizioni al finanziamento indipendente dei partiti politici. Per cui, almeno per ora, non esiste questa possibilità. 

Ed è un peccato, perché se c'è una cosa che manca ai partiti politici per organizzare delle vere e proprie campagne europee e indipendenti dai bilanci dei partiti nazionali, sono proprio più soldi. Per il 2009 l'Ue ha messo a disposizione, per tutti i partiti in campagna elettorale, 10 milioni di euro. La campagna elettorale americana ha mobilitato 30 milioni di dollari. Il Ppe, dal canto suo, annuncia che nel 2010 ha raddoppiato il suo budget per la comunicazione, che rappresenta ora il 10% del budget totale. Ma non vogliono comunicare la cifre. 

Fernando Navarro Sordo 
Europa451 

Foto: Anne van Gemert 

 


Create a free website with Weebly