Europa451, laboratorio di giornalismo transnazionale e europeo


 
Immagine
Il prossimo 30 maggio a Bruxelles si terrà la “Coppa del Presidente”, torneo di calcio a cui parteciperanno i deputati europei e le più alte cariche Ue, per lanciare gli Europei di Calcio che si terranno in Polonia e Ucraina. 





Dall'8 giugno al 1° luglio in Polonia e Ucraina si terranno gli Euro 2012, i campionati di calcio della Uefa. Per celebrare questo evento anche i parlamentari a Bruxelles hanno organizzato un campionato di calcio – promotore il Partito Popolare europeo – per il prossimo 30 maggio. 

Il torneo si terrà nella piazza Solidarność, di fronte alla sede del Parlamento europeo di Bruxelles. 

Le squadre in campo si batteranno per ottenere la “Coppa del Presidente del Parlamento”: tra i giocatori saranno presenti sia Herman Van Rompuy, Presidente Ue, sia Jose Manuel Durao Barroso, Presidente della Commissione europea. Oltre a loro saranno presenti i parlamentari di vari schieramenti, ex giocatori di calcio e giornalisti. 

Europa451


Sullo stesso argomento: 
Euro

 
 
Immagine
El coleccionista de instantes/Flickr
Tra il 2007 e il 2012 la morte per tumore è diminuita in Europa: meno 10% per gli uomini e meno 7% per le donne. Tra il 2007 e i 2013 l'Ue ha finanziato con 1000 milioni di euro la ricerca oncologica.

Secondo una ricerca pubblicata sugli Anales de la Oncología nel 2012 il tasso di mortalità per cancro si attesterà intoro ai 139 uomini e 85 donne ogni 100 mila abitanti per una media calcolata su 27 Paesi Ue. Lo studio ha preso in considerazione specialmente paesi come Italia, Spagna, Francia, Germania, Inghilterra, e Polonia, concentrandosi sui maggiori tipi di tumore (stomaco, prostata, seno, colon, pancreas, utero e leucemia). 

Le autorità dell'Ue sperano che questi tassi si abbassino ulteriormente entro il 2015 e, già dal 2013, che la mortalità scenda al 18% per gli uomini e al 13% per le donne grazie al lavoro di prevenzione e le nuove ricerche. Tra il 2007 e i 2013 l'Ue ha finanziato con 1000 milioni di euro la ricerca oncologica. Nel luglio di quest'anno verranno resi noti i finanziamenti per il prossimo quinquennio. 

Fernando Navarro Sordo
Europa451
 
 
Picture
Il cyber-dissidente caricaturista e blogger tunisino -Z- espone i suoi disegni al Parlamento europeo dal 20 al 23 marzo. 

-Z- è il nome d'arte ( e di battaglia) di un giovane tunisino che dal 2007 critica il regime del suo paese. Lo ha fatto da Parigi con il blog, DebaTunisie, dalla sua pagina Facebook e dal suo conto Twitter
Il suo blog è stato irraggiungibile dal 2008 al 2011 in Tunisia e la sua identità, a causa delle minacce, è sempre rimasta coperta. Prima della rivoluzione la sua pagina Facebook, che all'epoca aveva oltre 12mila contatti, fu oscurata. 

Come molti ragazzi della sua età  -Z-  non è certo un rivoluzionario, ma fa parte della schiera dei cyberdissidenti che per anni, sul web, hanno parlato, condiviso e commentato quello che succedeva nel loro Paese. 

Oggi, a oltre un anno dalla caduta del regime di Ben Ali, -Z- viene invitato a esporre al Parlamento europeo. Il vernissage sarà il 20 marzo e i suoi disegni saranno visibili fino al 23 marzo prossimo. Si tratta di un, seppur breve, omaggio ai giovani e alla voglia di democrazia in Tunisia. 

 -Z-  riceve ancora minacce, oggi da coloro che in Tunisia vogliono combattere la modernità, scagliando anatemi contro film come Persepolis o contro il Web

 -Z-  quest'anno ha anche pubblicato un libro "Révolution ! Des années mauves à la fuite de Carthage", che trovate qui

fb
Europa451

Sullo stesso argomento leggi:

Mancano mille tunisini all'appello
Persepolis non passa in Tunisia
Ue: 110 milioni di euro alla Tunisia
Tunisia: la censura riparte dal porno
Il processo a Ben Ali è prematuro?
Il rumore degli estremisti in Tunisia
Tunisia: la censura sul Web
Tunisia: il Paese in rivolta contro la crisi e la dittatura
Up‐date Tunisia: ancora morti negli scontri
Almeno 50 morti negli scontri in Tunisia
La rivoluzione tunisina in un cortometraggio
La Tunisia richiama i suoi riservisti
I love Tunisia: una campagna per rilanciare il Turismo
Ancora violenze nella Tunisia del dopo Rivoluzione
Il rumore degli estremisti in Tunisia

 
 
Ti dice qualcosa il nome Karl-Theodor zu Guttenberg? Forse no. Si tratta del nuovo consulente europeo per la promozione della libertà su Internet. 

Fino a qualche mese fa Karl Theodor Maria Nikolaus Johann Jacob Philipp Franz Joseph Sylvester Freiherr von und zu Guttenberg, 40 anni, era un giovane aristocratico tedesco, scelto come ministro dell'Economia e poi della Difesa nel Governo di Angela Merkel. 
Il "giovane" sembrava talmente promettente che si vociferava che sarebbe stato il successore della Merkel alla guida del Governo. Ma tutto è crollato a causa di una accusa di plagio che l'ha obbligato a dare le dimissioni nell'agosto scorso. Pare, infatti, zu Guttenberg abbia copiato la sua tesi di dottorato, depositata presso 
l'università di Bayreuth.  

Oggi, grazie alla nomina ricevuta da Neelie Kroes, vice presidente della Commissione europea, Karl-Theodor zu Guttenberg è diventato consulente europeo per la promozione della libertà su Internet: una sorta di "consigliere" per gli intervenuti, i blogger e i cyber attivisti. Premio di consolazione? Ripescaggio? 

Quello che stupisce è che una Commissaria europea che ha fatto della lotta alla pirateria una delle sue bandiere abbia deciso proprio qualcuno su cui pesa questa accusa.

No Disconnect
In ogni caso il nuovo incarico di zu Guttenberg è molto interessante: fa parte di una strategia europea che si chiama "No Disconnect" e che si pone l'obiettivo di fornire gli strumenti tecnici e l'assistenza legale a chi sta combattendo un regime dittatoriale in Rete. 

Lo scopo di questo incarico è quello di promuovere la difesa dei diritti umani su Internet attraverso lo sviluppo della tecnologia che protegga i cyber-attivisti, di sensibilizzare rispetto ai rischi e alle opportunità che il Web rappresenta per fare opposizione a una dittatura e occuparsi dell'analisi della censura in Rete in Paesi sotto regimi autoritari. 

Secondo il comunicato stampa diffuso dall'Ue un cittadino di un paese non democratico ha bisogno, per eludere la vigilanza, della tecnologia appropriata (software installabile su un computer portatile o un telefono) e della conoscenza delle tecniche usate dai regimi per controllare la Rete, in modo da potercisi opporre. 

Europa451

Sullo stesso argomento leggi
Tunisia: la censura riparte dal porno
Tunisia: la censura sul Web
Cos'è l'Acta
Cosa significa Net Neutrality?
Internet: ancora forte il divario tra Nord e Sud Europa
La neutralità della rete arriva in Europa 
Usa: una proposta di legge per spegnere Internet (in caso di emergenza)
Commotion: Internet senza fili, anonimo e criptato
E-g8: per un Internet civilizzato
Ue: una proposta per una Shengen virtuale?
Respect my Net: un sito denuncia le violazioni alla Neutralità della Rete
 
 
Il 4 ottobre scorso otto paesi hanno firmato gli accordi di Acta: Stati Uniti, Australia, Canada, Giappone, Corea del Sud, Nuova Zelanda, Singapore e Marocco. Ora mancano Svizzera, Messico e Unione europea. Entro il 2013 il Parlamento europeo deve dare il suo accordo. Un video della Quadrature du Net spiega cos'è l'Anti-Counterfeiting Trade Agreement. 

Il quattro ottobre scorso alcuni paesi hanno firmato gli accordi di Acta. Si tratta di Stati Uniti, Australia, Canada, Giappone, Corea del Sud, Nuova Zelanda, Singapore e Marocco. Sono in attesa, invece, il Messico, l'Unione europea e la Svizzera. 

Nel comunicato congiunto che annuncia la firma si dice che Acta (Anti-Counterfeiting Trade Agreement/Accordo commerciale anti contraffazione): «Ha lo scopo di migliorare la cooperazione e dettare standard più efficaci per far rispettare i diritti dei proprietà intellettuale». Il testo uscito dall'ultimo meeting è questo qui

Sono già diversi anni che anche la Commissione europea siede ai tavoli di Acta: inizialmente gli accordi sono stati fatti in segreto, condotti soprattutto da lobbisti delle grandi industrie mondiali dell'Enterteinement. 

Ora, grazie a fughe di informazioni gli accordi sono stati resi pubblici. Il termine ultimo per la firma da parte della Commissione europa pare sia fissato al primo marzo 2013: nel frattempo, in forza del Trattato di Lisbona, anche il Parlamento europeo deve dare il suo nulla osta e quindi, prima di lui, i parlamenti nazionali. 
Per prepararsi a questa data la Quadrature du Net ha pubblicato un video per spiegare cos'è l'Acta e come funziona. 

fb
Europa451
 
 
Il primo gennaio 2014 la Lettonia entrerà nell'euro come 17°membro. 

La Lettonia nel 2014 entrerà a far parte dell'euro. Il Paese è all'interno del Meccanismo di Scambio europeo (MCE II) dal 2005 insieme alla Danimarca e alla Lituania: questo significa che queste tre valute sono legate all'euro ma che continuano ad avere corso nel Paese. La Lettonia ha chiesto l'adesione all'Ue nel 1995 e dal 1998 ha un partenariato di adesione. 

La Lettonia è un paese che negli ultimi anni ha visto il suo Pil diminuire anche fino al 18%. Nel 2010, anche grazie a un intervento del Fmi si è notata una crescita del 5%, dovuta anche a forti tagli alle spese pubbliche. 
A questo è seguito un tasso di disoccupazione che ha raggiunto il 16,2%, il secondo più altro nell'Ue, dopo quello spagnolo. 

La Lettonia ha tutt'ora un'economia prevalentemente agricola: la metà della sua popolazione – 2,23 milioni secondo i dati Eurostat del 2011 – infatti, risiede in aree rurali. Si tratta, inoltre, del Paese baltico la cui struttura demografica è stata maggiormente modificata dalle annessioni sovietiche: il Paese oggi ha il 41% di cittadini “non lettoni”, di cui il 35% sono di lingua russa.  

Europa451
 
 
Secondo le cifre pubblicate da Eurostat nel 2009 sono stati naturalizzati, nei 27 Paesi Ue, 776mila immigrati. La nazionalità più coinvolta sono i marocchini. Il Paese che ha concesso maggiori passaporti è il Lussemburgo, in coda l'Italia e la Spagna. 

Secondo le ultime cifre pubblicate da Eurostat sono stati 776mila, nel 2009, gli immigrati ad aver ottenuto la nazionalità di uno dei ventisette Paesi Ue. Il 2009 ha registrato, da questo punto di vista, un aumento notevole: più 10% rispetto al 2008, con 77mila persone in più ad aver il passaporto di un Paese Ue. In testa nella classifica del paese più “ospitale” c'è la Gran Bretagna, che ha accordato la nazionalità inglese a 204mila persone, seguita dalla Francia, a 136 mila e dalla Germania (96mila). 

Si si fa la proporzione tra numero di naturalizzazioni e numero di stranieri, al primo posto troviamo il Portogallo, con 5,8 cittadinanze concesse ogni cento stranieri, seguito dalla Svezia, con 5,3. 

Se guardiamo, invece, la popolazione del paese ospitante, al primo posto troviamo il Lussemburgo, con 8,1 naturalizzati per 1000 abitanti, seguito da Cipro con 5,1. La Spagna e l'Italia sono in fondo: rispettivamente i due paesi hanno 1,7 e 1 naturalizzazioni ogni 1000 abitanti. 

Da dove arrivano questi nuovi europei? La maggioranza dall'Africa (29%) ma, guardando al Paese si parte con il Marocco, che ha visto naturalizzati 59,9mila suoi cittadini, seguiti dai turchi (51,9mila) e dagli indiani (31,1mila). 



Fernando Navarro
Europa451
 
 
Picture
Secondo un sondaggio della German Marshall Fund, “Transatlantic Trends” più della metà degli americani e quasi la metà dei turchi stimano che siano più importanti le relazioni strategiche con l'Asia piuttosto che con l'Unione europea. Aumentano però i turchi che approvano l'idea di aderire all'Ue. 

Secondo un sondaggio della German Marshall Fund, “Transatlantic Trends” più della metà degli americani pensano che le loro relazioni con i paesi dell'Asia siano più interessanti, dal punto di vista strategico, di quelle con l'Unione europea. E la proporzione cresce più si abbassa l'età degli intervistati: il 70% dei giovani, contro il 51% della popolazione in generale. 

Il sondaggio evidenzia come la situazione sia cambiata rispetto al 2004, quando le relazioni con l'Asia era “più” importanti solo per il 29% dei cittadini americani. Dall'altra parte dell'oceano troviamo, invece, tre Paesi per i quali le relazioni con l'Asia sono più vantaggiose di quelle con i Paesi Ue: Spagna, Francia e Svezia. 



E, d'altronde, anche i Turchi la vedono uguale: per il 43% dei cittadini infatti le relazioni strategico con l'Asia sono più rilevanti. In direzione opposta invece i turchi che vogliono entrare in Europa: oggi sono il 48% della popolazione, mentre dieci anni fa erano il 38%. Sono ancora pochi, invece, gli europei che approvano un'entrata della Turchia nell'Ue: solo il 26% dei cittadini. 

Europa451
 
 
Picture
A dicembre verranno firmati i documenti per l'adesione della Croazia all'Unione europea. Il paese, dopo otto anni di negoziati, ha ottenuto tutti i requisiti per entrare nell'Ue: lotta alla corruzione, difesa dei diritti umani e un sistema giudiziario forte e indipendente

Dopo otto anni di negoziati, la Croazia ha completato il suo percorso e riempito tutti i requisiti per entrare nell'Unione europea: lotta alla corruzione, difesa dei diritti umani e un sistema giudiziario forte e indipendente. Per questo verso la Croazia la Ue non si comporterà come con la Romania e la Bulgaria, due paesi per i quali aveva imposto una clausola di “sicurezza” che permetteva di ritirare l'adesione qualora i la lotta contro la corruzione non fosse stata sufficientemente efficace. «Confidiamo al 100% nelle capacità della Croazia», ha detto il portavoce della presidenza polacca Ue. 

Ciononostante il fantasma della corruzione “quasi istituzionalizzata” resta una macchia per i Paesi che sono sorti dallo smembramento del blocco sovietico e della (ex) Jugoslavia. A questo proposito pesa ancora la storia di Ivo Sanader, ex Primo Ministro del partito Unione Democratica Croata  (Hdz) che è stato arrestato per corruzione e riciclaggio di denaro per somme che arrivano a 15 milioni di euro. 

Il processo di adesione del Paese verrà finalizzato in dicembre, con la firma dei trattati. A questo seguiranno 18 mesi di “stand by” durante i quali tutti i ventisette Paesi membri dell'Ue dovranno ratificare l'adesione del nuovo Paese. Al momento non si sono manifestati Paesi contrari all'adesione della Croazia, ma un anno e mezzo è un periodo lungo, se pensiamo ai conflitti recenti tra Grecia e Germania o tra Francia e Repubblica Ceca a proposito del Trattato di Lisbona. Nello stesso periodo sono anche previste le elezioni in Croazia. 

Fernando Navarro Sordo
Europa451
 
 
Picture
La Commissione europea ha proposto la creazione di un partenariato energetico tra  tra l'Ue e i paesi del Mediterraneo del Sud, centrato sulle energie rinnovabili e, in particolare, sulle centrali solari. L'Ue importa, oggi il 60% del suo gas e del petrolio che consuma da paesi “non Ue”. 

La Commissione europea ha proposto la creazione di un partenariato energetico tra l'Ue e i paesi del Mediterraneo del Sud, centrato sulle energie rinnovabili e, in particolare, sulle centrali solari. Il progetto coinvolgerà anche i Paesi a Est dell'Ue. 

In un comunicato stampa pubblicato il 7 settembre scorso, Gunther Oettinger et Stéfan Fule, rispettivamente il Commissario per l'Energia e quella per la politica di vicinato, hanno spiegato che l'obbiettivo dell'operazione sarebbe quello di creare un mercato integrato dell'energia che comprenda “il vicinato allargato” dell'Ue. 


La strategia, nelle parole dei promotori, intende rispettare i bisogni e le priorità dei paesi coinvolti, allargare e diversificare i legami tra le infrastrutture energetiche tra i due soggetti. 

Nello specifico si pensa già a progetti che coinvolgano la Libia post-Gheddafi, per ristabilire le importazioni di gas e petrolio, l'Algeria e presumibilmente la Tunisia. 

Il Comunicato aggiunge che l'Ue ha molto da offrire ai suoi vicini «un mercato interno di circa 500 milioni di consumatori, un settore tecnologico ed energetico d'avanguardia, ricerche avanzate nei settori coinvolti e un quadro giuridico stabile e trasparente». 

A questo si aggiunge il fatto che L'Unione europea intende difendere l'adozione delle norme internazionali per quanto riguarda l'energia nucleare nelle discussioni multilaterali, soprattutto a livello dell'Aiea, l'agenzia atomica internazionale, e di diffondere questo tipo di valutazioni anche ai paesi vicini. 

L'Ue importa, oggi il 60% del suo gas e del petrolio che consuma da paesi “non Ue”: in futuro le previsioni sono quelle di aumentare le importazioni ma, allo stesso tempo, pensare di incrementare la produzione di energie verdi.  

fb
Europa451



 


Create a free website with Weebly