Europa451, laboratorio di giornalismo transnazionale e europeo


 
A marzo, in data ancora da confermare, gli attivisti per le libertà di Internet e gli hacktivist di Anonymous scenderanno in piazza con una manifestazione per difendere Internet come “zona libera e indipendente, che preservi l'anonimato e che protegga la libertà di espressione, condivisione e pubblicazione”. 

Anonymous è il gruppo di hacktivist, che ha fatto sentire la sua voce negli ultimi mesi bloccando spesso siti di rilevanza mondiale. Attraverso attacchi DDoS, cioè di sospensione di  servizio, il gruppo ha fatto sentire la sua voce – e la sua opinione – su fatti di rilevanza mondiale: solo per citarne alcuni ricordiamo l'attacco contro Ebay, Amazoon, Paypal, MasterCard, Visa (nel caso Assange), contro il governo dello Zimbabue, contro diversi siti del governo tunisino dopo le rivolte di fine 2011 (qui e qui), contro il governo in Egitto, contro il sito dell'Enel e di Agcom in Italia e, in ultimo, contro molti siti del Governo americano dopo l'operazione che ha chiuso il sito di streaming Megavideo (#OpMegaupload). 

Qui il video di presentazione dell'evento:
A marzo, gli attivisti di Anonymous organizzano una grande festa/manifestazione a Parigi, Anonymact: lo scopo è portare in piazza il più persone possibile, pacificamente, per fare sentire la propria voce contro le leggi che vogliono controllare la diffusione dei materiali e della cultura su Internet (Hadopi, Loppsi, Acta, Sopa/Pipa, Ipred, Arjel…) e limitare la Neutralità della Rete. La manifestazione intende promuovere un'idea di Internet come “zona libera e indipendente, che preservi l'anonimato e che protegga la libertà di espressione, condivisione e pubblicazione”. 

Dove si terrà la manifestazione ancora non è sicuro: il luogo verrà specificato nei giorni a venire sul sito dell'operazione. Tutti i comportamenti che possono essere condannati dalla forze dell'ordine sono da tenere lontani: niente alcol, droghe, tende o qualunque altra cosa che possa essere motivo di dispersione. 

Tra le associazioni “simpatizzanti” con l'iniziativa ci sono Télécomix, la Quadrature du Net, il Partito Pirata, il Fnd (French Data Network, il primo fornitore di accesso Internet in Francia), April (Promouvoir et defendre le logiciel libre – Promozione e difesa del software libero) e le Ong che difendono libertà civili come Rsf (Reporter senza Frontiere), Fidh (Federation Internationale Droits de l'Hommes), Amnesty France e Human Rights Watch. 

Il sito della manifestazione è qui, sono su Twitter (@ anonymact) e hanno un hashtag (#Anonymact).


fb
Europa451

Sullo stesso argomento leggi:
Cos'è e come funziona l'Hadopi
Hadopi: un bilancio
Hadopi: parte la campagna di comunicazione
Cos'è l'Acta
Cosa significa Net Neutrality?Internet: ancora forte il divario tra Nord e Sud Europa
L'Internet a banda larga: un diritto fondamentale (in Francia)
La neutralità della rete arriva in Europa 
Europa451 al Forum China-Europa
Usa: una proposta di legge per spegnere Internet (in caso di emergenza)
Commotion: Internet senza fili, anonimo e criptato
E-g8: per un Internet civilizzato
Ue: una proposta per una Shengen virtuale?
Respect my Net: un sito denuncia le violazioni alla Neutralità della Rete
 
 
A un anno dalla Rivoluzione tunisina un comitato di famiglie cerca i propri figli partiti verso l'Italia e dispersi. Chiedono di usare le impronte digitali per ritrovarli. 

"Prova a immaginare: tuo fratello o tuo figlio parte e non dà più notizie di sé dopo la sua partenza. Non è arrivato? Non lo sai, potrebbe essere stato arrestato nello stato di arrivo che non prevede che si possa arrivare semplicemente partendo e che per questo arresta quelli che arrivano mettendoli nei centri di detenzione o in prigione. Aspetti qualche giorno, guardi immagini alla televisione del luogo in cui potrebbe essere arrivato, per sperare di vederlo. Capisci anche che tuo figlio o tuo fratello non è l’unico a non aver telefonato dopo essere partito. Insieme alle altre famiglie chiedi allora alle autorità del tuo paese di informarsi, di capire se sono tutti in qualche carcere, speri che lo siano anche se temi che non vengano trattati bene. Ma le autorità non fanno nulla, non chiedono e non ti ascoltano, per mesi. Tu nel frattempo fai presidi, manifestazioni, parli con i rappresentanti di alcune associazioni, con i giornalisti, porti la foto di tuo figlio o di tuo fratello ovunque, ti affidi a ogni persona che viene dall’altro paese, le dai le foto, la data di nascita, le impronte digitali. Vuoi sapere. Ma non accade nulla e cominci a immaginare: potrebbe essere in una cella di isolamento, potrebbe essere stato arrestato come passeur, potrebbe essersi rivoltato nel centro di detenzione, potrebbe…. Potrebbe essere in Italia, ma forse a Malta, forse in Libia" (Dall'appello per i migranti tunisini dispersi)

Ormai è passato un anno da quando il regime di Ben Ali è caduto in Tunisia. E dopo un anno è sorto un altro problema: quello delle persone disperse. In migliaia hanno lasciato la Tunisia dopo il 14 gennaio 2011: quasi tutti sono arrivati in Italia, facendo almeno una tappa a Lampedusa. 

All'epoca fu l'emergenza: Lampedusa invasa, la stagione turistica saltata, immigrati spostati in campi creati ad hoc in tutto il Paese, incidenti diplomatici in Europa perché nessuno voleva queste persone. Oggi, di coloro che hanno attraversato il mare, in 1000 circa mancano all'appello. 

E per ritrovare queste mille persone esiste un comitato, nato da alcune delle famiglie dei ragazzi tunisini dispersi. Le famiglie hanno chiesto, senza risultati per ora, che il Governo di Tunisi intervenga presso quello italiano affinché si faccia il possibile per rintracciare queste persone, utilizzando le impronte digitali che vengono prese durante la registrazione a tutti coloro che sbarcano in Italia. 

L'appello si può leggere qui (in italiano, francese, arabo e inglese). 

In Italia questa iniziativa è supportata da una campagna “Da una sponda all'altra: vite che contano - Dove sono i nostri figli?”, sostenuta da diverse realtà: Associazione Pontes dei Tunisini in Italia, gruppo Le Venticinqueundici (Milano), Teatro della Cooperativa, gruppo Tunisia Libera di Tunisi, gruppo Tunisini di Parma e ZaLab

Dei mille scomparsi si sa poco: che sono partiti e che sono arrivati probabilmente (da foto, riprese televisive, video registrati o dal racconto di altri che erano con loro in viaggio). Questo perché non è possibile accedere ai registri dei Cie (Centri di identificazione ed espulsione) che, fino a dicembre scorso erano chiusi alla stampa a causa della circolare 1305, emanata dall'ex Ministro Maroni (lo spiega qui Fortesse Europe). 

Domani, martedì 10 gennaio, è prevista una prima iniziativa a Milano (qui). Il 14 gennaio prossimo, primo anniversario della Rivoluzione, si terrà invece un presidio davanti al Consolato tunisino a Milano. Chi fosse interessato a partecipare può contattare l'associazione Pontes scrivendo a pontes@live.it. 

Francesca Barca
Europa451

Sullo stesso argomento leggi: 
Persepolis non passa in Tunisia
Ue: 110 milioni di euro alla Tunisia
Tunisia: la censura riparte dal porno
Il processo a Ben Ali è prematuro?
Il rumore degli estremisti in Tunisia
Tunisia: la censura sul Web
Tunisia: il Paese in rivolta contro la crisi e la dittatura
Up‐date Tunisia: ancora morti negli scontri
Almeno 50 morti negli scontri in Tunisia
La rivoluzione tunisina in un cortometraggio
La Tunisia richiama i suoi riservisti
I love Tunisia: una campagna per rilanciare il Turismo
Ancora violenze nella Tunisia del dopo Rivoluzione
Il rumore degli estremisti in Tunisia
 


Create a free website with Weebly