Europa451, laboratorio di giornalismo transnazionale e europeo


 
Picture
Foto: www.bdouin.com
Nel giugno scorso la finanza islamica è stata introdotta in Francia grazie a una modifica del Codice Civile. Easi, una società nata nel gennaio scorso, si pone come interfaccia tra le banche e i mussulmani che cercano prodotti finanziari halal. E lo fa anche a fumetti. 

570easi (etica a sensibilità islamica) è una società nata nel gennaio scorso in Francia che ha come scopo quello di diffondere la finanza islamica ad un pubblico che potrebbe potenzialmente esserne interessato. Il progetto si chiama 570 (dall'anno islamico) ed è stato messo in piedi da privati, mussulmani, che si propongono come interfaccia tra le banche “classiche” e i clienti che sono interessati a questo tipo di prodotto. 
“Il progetto 570 è la risposta a una domanda della clientela francese per prodotti e servizi finanziari trasparenti e compatibili con le loro convinzioni religiose”, dice il sito della società. Secondo l'istituto di sondaggi e opinioni Ifop in Francia ci sarebbero tra 590.000 e un milione di clienti potenzialmente interessati ai prodotti finanziari compatibili con la sharia. Il mercato dei prestiti immobiliari e del risparmio halal è stimato intorno ai 7 miliardi di euro. 

La finanza islamica è uno strumento finanziario che è nato nel VII secolo e che si basa su precetti che sono conformi a quelli coranici. Oggi è molto usata in Malesia, Egitto e nei Paesi del Golfo. È stata introdotta ufficialmente sul suolo francese solo nello scorso giugno grazie a un voto parlamentare – sostenuto a maggioranza dall'Ump di Sarkozy e dal Nouveau Centre – attraverso una modifica del Codice Civile che permette l'emissione di strumenti finanziari, sulla piazza di Parigi, conformi ai principi della finanza islamica. 

Il gruppo 570, per diffondere i suoi prodotti, si è lanciato anche nell'editoria, con le edizioni del Bdouin (che letto in francese è “beduino”), che edita dei fumetti e dei cartoni animati che mettono in scena delle situazioni della vita quotidiana per rispondere alla domanda “come dovrei comportarmi per essere in regola con la sharia?”. Le edizioni del Bdouin, oltre alla finanza islamica, hanno serie sui matrimoni halal, sul Ramandan e su tanti tutti gli altri soggetti della vita quotidiana. 


Francesca Barca
Europa451

Sullo stesso argomento leggi: Francia: gli animalisti contro la macellazione rituale
Danimarca: Topless per integrare gli immigrati
Francia: una gonna troppo lunga e sei espulsa da scuola
Burqa e minishort: la provocazione di Niqabitch in Francia
Danimarca: Topless per integrare gli immigrati
La Francia vieta il burqa: «È contrario ai principi repubblicani»
Divieto del burqa in Spagna: una questione di elezioni
Burqa: anche la Spagna verso la laicità di Stato
Belgio: e poi dicono "un Paese in crisi"
Fátima Mohamed Kaddur: «Il Partito popolare spagnolo mi ha usata come simbolo di integrazione»
Scheda: Cos'è la laicità in Francia
 
 
Picture
Foto: Kien Productions/Z'Yeux Noirs Movies
Si moltiplicano gli atti di aggressione e vandalismo da parte di estremisti islamici in Tunisia: la regista Nadia El Fani ha ricevuto minacce e il regista Nouri Bouzid è stato attaccato. Intanto in numerose città del Paese sono state segnalate manifestazioni fondamentaliste. 

Si moltiplicano gli atti di aggressione e vandalismo da parte di estremisti islamici in Tunisia. Il più noto è quello a scapito della regista Nadia El Fani. La donna ha appena vinto il “Prix international de la laïcité”: un premio che ogni anno viene assegnato dall'associazione francese “Laïcité République”.  Nadia El Fani lo ha ricevuto per il suo film, “Ni Allah ni maître” (Né Allah, né padrone), che sostiene la libertà di coscienza in Tunisia. L'opera, e la dichiarazione di ateismo della regista (“io non credo in dio”), sono costate a Nadia El Fani minacce di morte da parte di gruppo fondamentalisti. Un altro artista, questa volta uomo, è stato aggredito con una barra di ferro per strada: si tratta di Nouri Bouzid, uno dei registi tunisini più famosi all'estero, e che è stato anche un feroce oppositore del regime di Ben Alì. 


A questo si aggiungono aggressioni a donne il cui abbigliamento non è conforme alla morale islamica, e tutta una serie di atti di intimidazione e aggressione.  


Tra gli ultimi ha fatto particolare clamore, il 26 giugno scorso, l'attacco al cinema Africart di Tunisi, uno delle sale più famose della capitale e del Paese. Durante la serata, organizzata a sostegno della libertà di espressione, tra gli altri veniva proiettato “Ni Allah ni maître”: cinquanta membri del partito islamico Tahrir (tutt'ora illegale) hanno assaltato il cinema e i manifestanti. Solo dopo un'ora sono intervenute le forze dell'ordine, dice Le Monde. «Le persone, anche chi è più aperto, ci accusa di fare della provocazione volendo proiettare un film sulla laicità. Ma dove andiamo? Non abbiamo fatto una rivoluzione per arrivare a questo punto», dice Nohra Sekik, menbro del collettivo  Lam Echalm, tra gli organizzatori della serata, come riportato da AFP. 
Oltre a questo si sono tenute manifestazioni in varie città del Paese, come a Sfax ou Sidi Bouzid, nel Sud, contro “l'attacco ai valori dell'Islam”. Va aggiunto che in molti sostengono che gli atti di aggressione da molte parti denunciati sono in realtà inverificabili: voci dicono che si tratti di una manovra per far sembrare il paese in preda alla paura fondamentalista. 

Ennahda, il più grande e famoso partito islamico tunisino – dichiarato illegale da Ben Ali negli anni Novanta – ha condannato gli eventi ma, secondo le associazioni e i gruppi a difesa della laicità, usa un doppio linguaggio. Il partito è dato tra i favoriti alle elezioni per la Costituente del prossimo ottobre. Ennahda, inoltre è uscito dal Consiglio dell'Alta Istanza della Rivoluzione in polemica in seguito alla decisione di spostare le elezioni, inizialmente previste per il 24 luglio, al prossimo ottobre. 

A ottobre verranno, quindi, elette 218 persone che saranno incaricate di scrivere la nuova Costituzione del Paese. Le polemiche non mancano perché la Costituente non è, appunto, un governo. E questo fa pensare che l'attuale governo di transizione resterà in carica almeno un anno. In molti dai partiti – che oggi sono più di ottanta – e dalle associazioni, proponevano che a ottobre si andasse a votare anche per il Presidente, in modo da avere almeno una carica direttamente eletta dal popolo. L'attuale Primo Ministro è Beji Caid Essebsi (che fu anche primo Ministro durante il periodo di  Bourghiba), mentre  Foued Mebazaa (che ha svolto incarichi di governo sia con Bourghiba che con Ben Alì) è il capo dello Stato. 

Francesca Barca
Europa451

Sullo stesso argomento leggi: Tunisia: la censura del Web riparte dal porno
Tunisia: la censura sul Web
Tunisia: il Paese in rivolta contro la crisi e la dittatura
Up‐date Tunisia: ancora morti negli scontri
Almeno 50 morti negli scontri in Tunisia
La rivoluzione tunisina in un cortometraggio
La Tunisia richiama i suoi riservisti
I love Tunisia: una campagna per rilanciare il Turismo

 


Create a free website with Weebly